Akong Tulku Rinpoche

 

 

I primi anni in Tibet

Akong Tulku Rinpoche nacque nel 1939 vicino a Riwoche nel Kham, regione del Tibet orientale, e fu scoperto in tenera età da un gruppo in cerca della reincarnazione del precedente Akong (il Primo), Abate del monastero di Dolma Lhakang vicino a Chakdado, nell’area del Kham denominata Chamdo. Il gruppo di ricerca seguiva le precise istruzioni date da Sua Santità il sedicesimo Gyalwa Karmapa, capo supremo della tradizione Karma Kagyü.
All’età di quasi quattro anni, il bambino fu portato a Dolma Lhakang per ricevere l’educazione spirituale e formale che gli era necessaria perché potesse riprendere la sua opera di Abate in futuro.

Il monastero di Dolma Lhakang ospitava un centinaio di monaci ed era associato a molti piccoli centri di ritiro e conventi. Akong Rinpoche fu istruito, oltre che nelle discipline religiose, anche nella medicina tradizionale tibetana. Ancora adolescente cominciò a viaggiare di comunità in comunità per eseguire cerimonie religiose e per curare i malati. Si recò quindi alla grande università monastica di Sechen, dove ricevette la trasmissione della quintessenza del lignaggio Mahamudra da Sechen Kongtrul Rinpoche. Il suo addestramento spirituale come detentore del lignaggio Kagyü fu completato sotto la guida di Sua Santità il sedicesimo Gyalwa Karmapa, dal quale ricevette anche la qualifica di insegnante di medicina tibetana. Rinpoche detiene anche molti lignaggi della tradizione Nyingmapa. Nel corso degli anni passati in Tibet fu trattato con grande riverenza e rispetto.

Fuga dal Tibet

Nel 1959 l’invasione del Tibet lo costrinse ad una difficile fuga, durante la quale guidò insieme ad altri un gruppo di 300 persone. Di queste solo 13 giunsero, 9 mesi più tardi, al sicuro in India. Soffrirono talmente la fame da arrivare a bollire il cuoio delle borse e degli stivali per ricavarne della zuppa. Dopo un periodo passato in un campo profughi, gli fu chiesto, insieme ad altri Lama, di occuparsi della Young Lamas Home School, presso Dalhousie, nell’India nord occidentale, un luogo dove i giovani Lama reincarnati, provenienti da tutte le regioni del Tibet, potevano ricevere un’educazione.

Grazie al prezioso aiuto di Freda Bedi, che sarebbe diventata in seguito Sister Palmo, insieme a Trungpa Tulku, Abate di Surmang, fece rotta per l’Inghilterra nel 1963, per studiare l’inglese a Oxford. Soltanto Trungpa Tulku aveva ricevuto una borsa di studio e dunque Akong Tulku Rinpoche lavorò per alcuni anni come semplice inserviente ospedaliero, procurando di che vivere a se stesso, a  Trungpa Rinpoche e Tulku Chime del Monastero di Benchen nel piccolo appartamento che condividevano.

I primi tempi in Scozia

Akong Rinpoche passò i successivi 25 anni (1963-1988) diffondendo in Occidente il Buddhismo e alcuni aspetti della cultura del suo paese. Ciò assolse ad un doppio scopo: una ricca quantità di materiale di una delle più straordinarie e raffinate civiltà asiatiche cominciò a divenire accessibile in gran parte del mondo e, così facendo, la sopravvivenza e la trasmissione di quella stessa tradizione furono assicurate. Quest’opera si concentrò principalmente attorno allo sviluppo del Kagyü Samye Ling, in Scozia, il primo centro di Buddhismo tibetano in Occidente fondato dal Dr. Akong Tulku Rinpoche e da Chogyam Trungpa Rinpoche, successivamente sviluppato dal Dr. Akong Rinpoche. Con visitatori provenienti da ogni parte del mondo, fu voluto da Akong Tulku Rinpoche principalmente come un luogo di pace e spiritualità, con un forte accento sulla compassione attiva e disinteressata, aperto a tutti e a tutte le fedi.

In risposta ad una sempre crescente domanda di insegnamenti specifici della tradizione Kagyü, Akong Rinpoche invitò in Scozia i principali Eruditi viventi e Maestri di meditazione  ad insegnare le principali pratiche di meditazione e i più importanti testi filosofici della tradizione Kagyü. Il terreno fu pronto per l’appropriato sviluppo di tali insegnamenti in Occidente quando la guida suprema del lignaggio Kagyü, Sua Santità il sedicesimo Gyalwa Karmapa visitò Samye Ling nel 1975 e nel 1977; il Karmapa quindi incaricò il Dr. Akong Tulku Rinpoche di organizzare il suo tour per dare insegnamenti e iniziazioni in Europa, che durò sei mesi.

Kagyü Samye Ling cresce

Sotto la guida del Gyalwa Karmapa, il Dr. Akong Tulku Rinpoche inaugurò un tradizionale ritiro di meditazione di 3 anni a Samye Ling e diede il via alla costruzione del Samye Project: l’edificio che avrebbe ospitato un grande tempio buddhista nello stile tradizionale tibetano, affiancato da un college, una biblioteca e un museo. 
La prima fase del Samye Project fu la costruzione del tempio, costruito interamente dai membri della comunità di Samye Ling, sotto l’attiva guida del Dr. Akong Tulku Rinpoche, che spesso in quegli anni si poteva trovare in cantiere alle prese con attrezzi da lavoro. L’interno del tempio fu realizzato da una squadra di abili artisti, scultori, artigiani del legno e di altre tecniche guidati da Shera Palden Beru. Shera Palden è uno dei migliori, se non il migliore in assoluto, maestro-artista della tradizione Karma Kagyü.

L’inaugurazione ufficiale del Samye Temple ebbe luogo l’8 agosto 1988 con una targa commemorativa scoperta dal dodicesimo Tai Situpa e dal Rt. Hon. David Steel MP (ora Lord Steel), in presenza di rappresentanti di riguardo delle principali religioni mondiali. Durante questo periodo dello sviluppo di Samye Ling, nacquero diversi centri e attività satellite: centri Samye Dzong si svilupparono in Belgio, Spagna, Irlanda, Sud Africa, Zimbabwe e nel Regno Unito. Su un altro fronte, l’interesse dimostrato da molti terapeuti e medici nei confronti delle conoscenze mediche e terapeutiche buddhiste del Dr. Akong Tulku Rinpoche portò allo sviluppo di un sistema terapeutico originale, ora conosciuto con il nome di Tara Rokpa Therapy.

Aiutare dove l’aiuto è necessario

La principale attività di Akong Tulku negli anni novanta riguardò l’espansione dei suoi progetti umanitari, principalmente in Tibet e Nepal, ma anche in Europa, dove fondò diversi centri di distribuzione di pasti gratuiti ai senza tetto delle grandi città. Con grande forza e diligenza, ha istituito più di 100 progetti, una scuola, un ospedale, una scuola di medicina, un programma di autosussistenza, un programma per la salvaguardia dell’ambiente naturale tibetano. Questi progetti sono in gran parte destinati alle aree rurali della parte orientale dell’altipiano tibetano. 

In Nepal, principalmente attraverso l’opera della Vice-Presidente di Rokpa International Lea Wyler, Rinpoche ha realizzato un importante progetto di distribuzione di pasti gratuiti ai bisognosi durante i mesi invernali. A questo hanno fatto seguito la costruzione di una casa per bambini, un ambulatorio medico, un laboratorio artigianale operato da sole donne, ecc.

Nel 1994, Akong Tulku Rinpoche fu uno dei principali responsabili della scoperta della reincarnazione del sedicesimo Gyalwa Karmapa e svolse un importante ruolo nel trovarlo, accompagnarlo alla sede del Karmapa al monastero di Tolung Tsurphu e più tardi nell’organizzare la visita dei due Reggenti - il dodicesimo Tai Situpa e il dodicesimo Goshir Gyatsabpa – che officiarono la cerimonia di intronizzazione e in seguito lo dichiararono formalmente il diciassettesimo Gyalwa Karmapa, Ogyen Drodul Trinley Dorje.

A causa del sempre crescente lavoro che lo teneva occupato in Tibet, Akong Rinpoche chiese al fratello, il Ven. Lama Yeshe Losal Rinpoche, di occuparsi della gestione del monastero Kagyü Samye Ling in Scozia. Lama Yeshe Losal Rinpoche divenne il nuovo Abate e da allora ha riscosso un grande successo, soprattutto nella creazione di una salda comunità monastica.